Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, ma non utilizza alcun cookie di profilazione.
Per prestare il consenso all’uso dei cookies cliccare su “OK”.

  • Fuori Posto - Festival di Teatri al limite (Ed. 2014)
  • Area Agio - Yo Migro
  • Sporting United
  • Laboratorio teatrale "A tutta scena"
  • Centro sportivo comunale "Pegaso"
  • Progetto "Gioco a calcio e cresco"
  • Fuori Posto - Festival di Teatri al limite (Ed. 2014)
  • Scolarizzazione Rom
  • Laboratorio teatrale "A tutta scena"
  • Progetto "Gioco a calcio e cresco"
  • Street Work
  • Laboratorio autonomia
  • Fuori Posto - Festival di Teatri al limite (Ed. 2013)
  • Centro diurno "Antonio Palomba"
  • Social Street Art

Carta Servizi

L'edizione 2019/20 della Carta servizi: uno strumento pratico e di facile lettura per conoscere i nostri servizi e le nostre attività.

Suggerimenti e reclami

Tutti i modi per sporgere reclamo o proporre suggerimenti.
Scarica il modulo

Inclusione scolastica

MEDIATECA
Materiali informativi sui temi della disabilità e dell’inclusione scolastica. Leggi tutto...

Hammdulillà - Video del laboratorio "Storie al bivio"

Il video è il prodotto finale del progetto "Storie al bivio" che ha coinvolto, nell'a.s. 2018/2019, un gruppo di studentesse dell'IIS Einstein-Bachelet di Roma e il gruppo della sezione femminile dell'IPM Casal del Marmo.

Le ragazze non si sono mai incontrate fisicamente, ma hanno lavorato parallelamente e, in alcuni momenti, i loro lavori si sono intrecciati.

Il filo conduttore del laboratorio è stato il riflettere sul tema della scelta, sui possibili bivi che s'incontrano durante il percorso di crescita.
Entrambi i gruppi hanno visto dei film, immaginando finali differenti, hanno inventato storie, scegliendone i personaggi, gli intrecci.
Hanno fatto dialogare le storie inventate, immedesimandosi ognuna nei panni dell'altra.

Per arrivare infine alla domanda iniziale: cosa si prova davanti ad una scelta?

Il video rappresenta le risposte e le esperienze delle ragazze intorno a questo bivio.



Progetto è stato realizzato con i fondi Otto per mille della Chiesa Valdese, all'interno dell'istituto penale per minorenni "Casal del Marmo" e dell'IIS "Einstein-Bachelet".